powered by CADENAS

Social Share

Zebra (16067 views - Animals)

Le zebre sono Mammiferi Perissodattili erbivori, appartenenti, come il cavallo, alla famiglia degli Equidi. Distribuite nelle regioni orientali e meridionali dell'Africa, le zebre si distinguono marcatamente dagli altri membri della famiglia per le striature verticali, nere o brune-rossastre, alternate a bande chiare, bianche o giallastre, sui quarti anteriori, che spesso tendono all'orizzontale sui quarti posteriori dell'animale. Molti zoologi ritengono che le strisce fungano da meccanismo di mimetizzazione, anche se alcuni credono che giochino un ruolo nelle loro interazioni sociali, agendo come mezzo di distinzione di un individuo in mezzo agli altri, a causa di lievi variazioni nelle strisce. Tuttavia alcune teorie evidenziano come le campiture nere e bianche siano evidentemente estranee e poco comuni all'interno dell'ecosistema savana; la striatura risulterebbe pertanto un fenotipo svantaggioso dal punto di vista evolutivo. A corredo di tale ipotesi si può addurre la teoria che vede appartenere la specie della zebra (in particolare la Equus Quagga) ai più freddi territori antartici, laddove animali a simile colorazione del manto trovano un habitat più adatto. Ma secondo altre teorie, queste striature aiuterebbero le zebre restando unite in branco, a confondere i predatori, come i leoni e le iene, i quali, specie di giorno, hanno una vista limitata dato che non possiedono la capacità a distinguere tutti i colori della Savana. La durata della vita non supera in media i 28 anni mentre le antilopi, con una colorazione del manto meno vistoso, vivono i media dai 32 ai 34 anni.
Go to Article

Explanation by Hotspot Model

Zebra

Zebra

Zebra

Licensed under Creative Commons Attribution 2.5 (Taken & submitted by Paul Maritz (Paulmaz
Modified by Pharaoh Hound, Fir0002).

Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Zebra (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Zebra
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Perissodactyla
Famiglia Equidae
Genere Equus
Sottogenere Hippotigris
Hamilton-Smith, 1841
Dolichohippus
Specie

Le zebre sono Mammiferi Perissodattili erbivori, appartenenti, come il cavallo, alla famiglia degli Equidi. Distribuite nelle regioni orientali e meridionali dell'Africa, le zebre si distinguono marcatamente dagli altri membri della famiglia per le striature verticali, nere o brune-rossastre, alternate a bande chiare, bianche o giallastre, sui quarti anteriori, che spesso tendono all'orizzontale sui quarti posteriori dell'animale. Molti zoologi ritengono che le strisce fungano da meccanismo di mimetizzazione, anche se alcuni credono che giochino un ruolo nelle loro interazioni sociali, agendo come mezzo di distinzione di un individuo in mezzo agli altri, a causa di lievi variazioni nelle strisce. Tuttavia alcune teorie evidenziano come le campiture nere e bianche siano evidentemente estranee e poco comuni all'interno dell'ecosistema savana; la striatura risulterebbe pertanto un fenotipo svantaggioso dal punto di vista evolutivo. A corredo di tale ipotesi si può addurre la teoria che vede appartenere la specie della zebra (in particolare la Equus Quagga) ai più freddi territori antartici, laddove animali a simile colorazione del manto trovano un habitat più adatto. Ma secondo altre teorie, queste striature aiuterebbero le zebre restando unite in branco, a confondere i predatori, come i leoni e le iene, i quali, specie di giorno, hanno una vista limitata dato che non possiedono la capacità a distinguere tutti i colori della Savana. La durata della vita non supera in media i 28 anni mentre le antilopi, con una colorazione del manto meno vistoso, vivono i media dai 32 ai 34 anni.

Tassonomia

Lo stato tassonomico di alcune sottospecie è controverso. Una recente revisione ne riconosce quattro specie e sei sottospecie [1]:

La zebra delle steppe (Equus quagga, già Equus burchelli) è la più comune e conta in tutto sei sottospecie: una è oramai estinta (Equus quagga quagga), le altre cinque sono distribuite ampiamente in Africa orientale e meridionale.

La zebra delle montagne (Equus zebra), diffusa in Africa del Sud, tende ad avere un mantello lucido, con ventre bianco e strisce più sottili rispetto alla Zebra delle steppe. È una specie in pericolo di estinzione.

La zebra di Grevy (Equus grevyi) è la più grande delle zebre viventi. La si riconosce dalle orecchie arrotondate e dalle striature nere più sottili e fitte. Con una criniera eretta e una testa lunga e stretta che la rende simile ad un mulo. Vive nelle zone semiaride di Etiopia, Somalia e Kenya settentrionale. Anch'essa è in pericolo d'estinzione.

Interazioni con l'uomo

Addomesticamento

Conservazione

Note

  1. ^ Groves C.P. & Bell H.B. New investigations on the taxonomy of the zebras genus Equus, subgenus Hippotigris. Mammalian Biology. 2004; 69: 182-196.


This article uses material from the Wikipedia article "Zebra", which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0. There is a list of all authors in Wikipedia

Animals

3D,data,libary,model,catalog,rendering,skull,bone,animal,reptile,bird,insect,mammal,class,classification,order,family,species,genus